Home » Arte, cultura, turismo » Vacanze in Molise: un itinerario tra arte, storia e tradizione

Vacanze in Molise: un itinerario tra arte, storia e tradizione

Se per le vostre prossime vacanze state cercando un posto nuovo ed affascinante, capace di offrirvi spiagge incontaminate e scenari unici di montagna, unendo all’emozione della scoperta il piacere di un viaggio non troppo costoso, dovreste scegliere le vacanze in Molise. Una regione piccola e preziosa, che racchiude al suo interno mille occasioni di divertimento per il turista in cerca di autenticità e scorci naturali incredibili. Se non sapete da dove iniziare date un’occhiata a questo nostro itinerario in regione, un percorso unico tra arte, storia e folklore.

La Chiesa di Santa Maria del Canneto a Roccavivara

Iniziamo il nostro itinerario da Roccavivara, in provincia di Campobasso dove, nel punto di congiunzione tra il torrente Ponte di Muse e il fiume Trigno, sorgono i resti di un affascinante insediamento romano ed una bellissima chiesa romanica: Santa Maria del Canneto, nome che rimanda alla presenza di un canneto lungo il corso del fiume. Dove oggi sorge la famosa chiesa, si trovava un tempo un’antica villa rustica, dedita soprattutto alla produzione di olio e vino. Parte di questa villa, distrutta poi da un violento incendio nel VII secolo d.C., venne adibita a monastero e trasformata, tra il 1137 e il 1166, in una vera e propria chiesa, molto simile a quella che vediamo noi oggi. Delle sue particolarità vi colpirà soprattutto l’alta torre campanaria merlata, l’ambone-pulpito a sinistra della navata centrale e la piccola statua di culto raffigurante una Madonna lignea del XIV secolo, in stile gotico.

A Isernia in località La Pineta

Dopo questa parentesi storica ed artistica ci immergiamo in uno dei più antichi siti Paleolitici d’Europa, recandoci ad Isernia, in località La Pineta. La sua importanza è stata riconosciuta dall’Unesco nel 2013, attraverso l’assegnazione di uno scudo blu a garanzia di protezione internazionale in caso di catastrofi naturali e conflitti armati. Qui potrete ammirare una serie di suoli sovrapposti, della profondità di sei metri, che testimoniano la presenza ricorrente dell’uomo paleolitico in zona. Un giacimento preistorico di straordinaria importanza, nel quale sono stati rinvenuti migliaia di reperti oltre alla presenza di specie animali mai segnalate in Europa per aree così meridionali.

L’incendio del Castello a Termoli

L’ultima tappa del nostro itinerario in Molise vi porta lungo la costa molisana, esattamente a Termoli, un bellissimo borgo marinaro costeggiato da spiagge incontaminate, meta estiva indiscussa per moltissimi residenti e non. Qui ogni anno, la notte del 15 di agosto, si tiene un appuntamento imperdibile, ovvero l’incendio del Castello Svevo, uno spettacolo di luci ed esplosioni che raduna sulla spiaggia sottostante centinaia di persone. L’evento ha l’obiettivo di ricordare l’assalto al borgo vecchio da parte delle truppe ottomane nel 1566, episodio drammatico dal quale è nata questa suggestiva rappresentazione, volta a ricordare la tenacia e il coraggio della popolazione locale di fronte all’assalto nemico.

Un mix di storia, arte ed appuntamenti unici con la tradizione, per vivere al meglio le vostre incredibili vacanze in Molise!